Milano, 16 set. (LaPresse) – È stata ritrovata senza vita l’escursionista di Avignone, in Francia, dispersa da tre giorni sulle pendici del Monte Laura, in provincia di Pordenone. Quando gli uomini del Soccorso alpino e speleologico del Friuli Venezia Giulia si sono calati nella gola in cui era stata individuata questa mattina dall’elicottero si è capito che per Isabelle Cécile Jurain, 52 anni, non c’era più nulla da fare. La donna è precipitata mentre percorreva in discesa una traccia nera di sentiero verso Arcola, sul versante nord del rilievo sotto Forca Mantovana ad una quota di circa 600 metri, un sentiero che presenta sponde esposte sul rio sottostante con qualche salto di roccia. Dal sentiero era impossibile vederla perché, dopo essere caduta in un colatoio visibile dall’alto, la donna deve essere ulteriormente scivolata sotto la sponda di questo fino al fondo del rio, alla cui sinistra idrografica giaceva, una trentina di metri di dislivello più sotto della traccia di partenza.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata