Milano, 15 set. (LaPresse) – Una maestra di 59 anni di una scuola dell’infanzia nel monzese è stata interdetta per un anno dall’esercizio della professione. Per lei l’accusa di aver maltrattato i suoi alunni, 17 bambini di età 3-5 anni, di cui uno con disabilità. Botte e insulti ai bambini, stando all’indegine dei carabinieri, erano all’ordine del giorno. I militari della Compagnia di Monza hanno avviato le indagini dopo aver ricevuto alcune segnalazioni sui metodi ‘sospetti’ dell’indagata, installando telecamere e microfoni all’interno della classe, raccogliendo, in due mesi di accertamenti, “un quadro indiziario completo”, che, consegnato alla Procura, ha consentito all’autorità giudiziaria di emettere di un provvedimento cautelare. Dalle intercettazioni ambientali è emerso come la maestra, in modo abituale, aggrediva i bambini con calci, schiaffi, trascinamenti di peso, associati a imprecazioni e insulti (“ti stacco la testa, ti taglio le mani, oca, beduini” ecc… ). La misura è notificata nei giorni scorsi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata