Napoli, 13 set. (LaPresse) – “La campagna di vaccinazione ha subito forti ritardi nelle ultime settimane sia per una comunicazione sgangherata fatta dal governo nazionale quando è cominciata la stagione dei richiami, sia per una campagna totalmente irresponsabile messa in atto da alcune forze politiche, Lega e Fratelli d’Italia, che è stata in queste settimane un esempio di irresponsabilità e anche di stupidità. Mi è capitato di ascoltare ancora in questi giorni le dichiarazioni dell’onorevole Meloni: è l’esempio della banalità pura”. Lo ha affermato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la presentazione dei progetti per il nuovo ospedale di Salerno. “Faccio fatica a capire come si possa dire ‘noi possiamo essere d’accordo con la campagna di vaccinazione, ma siamo contrari al green pass perché questo limita la libertà’ – aggiunge il governatore -. Concretamente cosa significa vorrei chiedere all’onorevole Meloni: che dovremmo fare? Il green pass decide che chi lavora in una mensa ospedaliera, anche se non dipendente del sistema sanitario nazionale, deve essere vaccinato e deve esibire il certificato, chi lavora in una mensa, un asilo o una scuola deve essere vaccinato, altrimenti può trasmettere il contagio. Chi guida un autobus dove saliranno centinaia e centinaia di ragazzi che vanno a scuola deve essere vaccinato. Il green pass è questo”. “Ci sono esponenti politici che stanno dicendo agli italiani che quelli che hanno funzioni tali da diffondere il contagio possono essere non vaccinati. È qualcosa di vergognoso – incalza De Luca -. Sono ripetizioni che finiscono per avere poi un’influenza sulla campagna di vaccinazione, quindi è bene riprenderla con determinazione”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata