Roma, 7 set. (LaPresse) – “Leggere la crisi afghana solo attraverso la lente del rischio migratorio è riduttivo. Sarebbe un errore anzitutto politico. Tuttavia, alla luce delle conseguenze che la situazione umanitaria potrebbe avere a breve-medio termine, è necessario garantire la massima condivisione europea dell’impatto migratorio. A fronte delle esitazioni di alcuni Stati membri, riteniamo necessaria una visione più ambiziosa e coraggiosa del ruolo che l’Unione può giocare, anche assumendo su di sé costi più elevati”. Lo dice il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, durante l’informativa alla Camera sulla crisi in Afghanistan.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata