Cagliari, 6 set. (LaPresse) – La Sardegna “osservata speciale” ancora una volta rischia di finire in zona gialla, finora evitata solo grazie a una manciata di posti letto rimasti liberi nei reparti Covid di nuovo saturi. Anche quella che si apre oggi sarà una settimana cruciale per l’isola, che ancora una volta spera di evitare il declassamento soprattutto per poter sfruttare fino all’ultimo la stagione turistica che quest’anno ha fatto registrare il tutto esaurito. Con il passaggio in giallo non cambierebbe moltissimo, a parte l’obbligo delle mascherine all’aperto e qualche restrizione per i locali pubblici, ma sarebbe un brutto colpo all’immagine di un’isola che sul turismo ha puntato tutto: più volte gli addetti ai lavori hanno detto che per salvare la stagione e recuperare le perdite dell’anno scorso, è fondamentale lavorare a pieno ritmo anche a settembre e ottobre, mesi tradizionalmente appannaggio degli stranieri. Il responso come al solito è atteso per venerdì, ma a essere determinanti saranno i numeri, ancora preoccupanti, dei primi giorni della settimana.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata