Roma, 6 set. (LaPresse) – “La pressione migratoria sui Paesi confinanti con l’Afghanistan, come il Pakistan che ho visitato oggi, non è particolarmente significativa. Ciò perché in questo momento, all’interno dell’Afghanistan, non si stanno consumando conflitti e non si sente ancora il rischio di una crisi economica”. Lo dice il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in un video dal Pakistan, dove si trova in missione diplomatica. “Ma il nostro grande problema, i nostri grandi rischi ci saranno quando nei prossimi mesi, se non aiuteremo il popolo afgano, la crisi economica e quella alimentari potrebbero scatenare flussi migratori significativi – spiega -. Ed è per questo che l’Italia ha elaborato un piano per il popolo afgani, e a livello europeo e in tutti i consessi multilaterali stiamo spingendo per aiutare il popolo afgano a evitare una crisi umanitaria”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata