Roma, 3 set. (LaPresse) – “Per introdurre un vero e proprio obbligo generalizzato di vaccinazione sarebbe meglio basarsi su una previsione di legge autonoma, una legge (o anche un decreto legge) ad hoc. Dato l’uso smodatamente estensivo che da noi viene fatto dello strumento del decreto legge e della legge di conversione, anche un emendamento a un decreto legge da convertire potrebbe essere ritenuto adeguato, se sufficientemente collegato con il contenuto del decreto stesso. Meglio però una legge ad hoc”. Lo dice, raggiunto al telefono da LaPresse, il costituzionalista ed ex presidente della Consulta, Valerio Onida, parlando della possibilità che il governo possa presentare un emendamento al decreto Green pass per introdurre l’obbligo vaccinale. “Sarebbe più corretto, per introdurre un obbligo generalizzato, ricorrere ad un provvedimento ad hoc”, spiega. Ma comunque “quello che conta di più è che vi sia un provvedimento legislativo che espressamente lo preveda”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata