Caserta, 2 set. (LaPresse) – E’ accusato di omicidio volontario G.I., il 19enne di Caivano ritenuto responsabile della morte di Gennaro Leone, 18enne ucciso sabato notte nella movida di Caserta. Le forze dell’ordine hanno ricostruito preliminarmente la dinamica dei fatti. All’origine di tutto, uno scambio di battute fra la vittima e il fratello del 19enne nel corso della serata di sabato. Una situazione poi man mano degenerata in una rissa durante la quale, secondo gli investigatori, G.I. avrebbe estratto il coltello e colpito Leone alla coscia destra. Ora il giovane è ristretto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere, dopo la convalida del fermo da parte del Gip.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata