Caserta, 30 ago. (LaPresse) – Meno alcol e un servizio di vigilanza fisso a Caserta. E’ quanto stabilito questa mattina dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato dopo la morte del 18enne Gennaro Leone, accoltellato sabato nei luoghi della movida del capoluogo. Alla riunione hanno preso parte il prefetto di Caserta Raffaele Ruberto, il sindaco Carlo Marino, il presidente della Provincia Giorgio Magliocca e le autorità militari. E’ stato stabilito di reiterare le ordinanze sindacali in scadenza per limitare ulteriormente il consumo di alcolici. Altri provvedimenti saranno predisposti per regolamentare meglio l’esercizio delle attività nei luoghi della movida. Ma, soprattutto, è stato annunciato un servizio di vigilanza fisso, a cura della polizia municipale di Caserta, in piazza Dante, nelle ore di maggiore afflusso. I controlli delle forze dell’ordine saranno poi maggiormente orientati, negli orari serali del weekend, nelle strade più ‘sensibili’. In agenda, infine, un tavolo tecnico in Questura per stabilire le unità da utilizzare e i servizi specifici da predisporre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata