Bari, 25 ago. (LaPresse) – “Come Caritas vogliamo essere pronti per una possibile ed eventuale accoglienza di profughi provenienti dall’Afghanistan e per questo abbiamo già chiesto alle comunità parrocchiali, religiose e alle aggregazioni laicali, di comunicarci la disponibilità di appartamenti e strutture, così come di figure professionali per l’integrazione, come i mediatori culturali”. Così a LaPresse il direttore della Caritas Bari-Bitonto, don Vito Piccinonna, con riferimento ai primi 40 profughi afgani accolti ieri in Puglia, su decisione del governatore Michele Emiliano, e ospitati in Covid hotel per la quarantena.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata