Roma, 24 ago. (LaPresse) – “A tempo debito, non potremo e non dovremo esimerci – come Occidente, come Europa, come Nato – da una riflessione approfondita sulle lezioni da apprendere. Una riflessione che deve partire dal riconoscimento obiettivo delle nostre responsabilità, ma anche dalla consapevolezza di non essere stati in Afghanistan invano”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in audizione alle Commissioni riunite Affari Esteri e Difesa di Camera e Senato. “La fragilità delle istituzioni afghane, la liquefazione istantanea delle forze armate locali, l’inaffidabilità delle previsioni sulla loro tenuta sono sotto gli occhi di tutti. Ma è anche vero che in questi 20 anni abbiamo contribuito a mantenere la stabilità regionale, contrastare il terrorismo, favorire più istruzione, diritti e libertà per il popolo afghano”, ha aggiunto Di Maio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata