Olbia, 15 ago. (LaPresse) – La Procura di Tempio Pausania ha aperto un’inchiesta sul concerto di venerdì scorso del rapper sardo Salmo a Olbia, con migliaia di persone assembrate e senza mascherina, senza alcun rispetto delle normative anti covid. Al momento i magistrati procedono contro ignoti. Salmo aveva organizzato il concerto per lanciare una raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite dagli incendi che tre settimane fa hanno distrutto alcune zone della Sardegna centrale. Tanti gli attacchi a Salmo sui social, anche da parte di colleghi, primo fra tutti Fedez, che ha puntato il dito contro amministrazione comunale e regionale, che hanno invece fatto sapere di non aver rilasciato alcuna autorizzazione. Lo stesso sostengono autorità portuale e capitaneria di porto, che hanno competenza sul lungomare dove si è tenuto il concerto, al molo Brin. La questura di Sassari sta raccogliendo tutti gli elementi utili all’indagine, e gli stessi agenti erano presenti con un presidio alla serata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata