Torino, 1 ago. (LaPresse) – “Non ho alcuna voglia di censurare le critiche che mi vengono mosse, purché esse siano costruttive e non si limitino a una violenza verbale inaudita e insulti pesanti e gratuiti che scaturiscono da odi, antipatie personali e faide di fazioni opposte. Sono pronto al confronto e a un mea culpa se necessario ma non accetto voltafaccia ‘disgustosi’ da chi, fino a poco tempo fa, mi osannava con messaggi di stima, apprezzamento e affetto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata