Milano, 1 ago. (LaPresse) – “Non è stata colpita tutta la pineta Dannunziana, ma quella più a sud dall’uscita della circonvallazione fino a vicino all’ex Aurum (Palazzo Pomilio, ndr) è stata distrutta. Saranno diversi ettari, ma non il cuore della pineta”. Così a LaPresse il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Zaffiri. “Sono in prefettura all’unità di crisi – ha detto – e abbiamo la situazione sotto controllo, però il problema è che ci sono diversi focolai su diversi Comuni su tutta la provincia di Pescara. Le forze umane dei vigili del fuoco e dei volontari sono sparpagliate su tutto il territorio e abbiamo più difficoltà a tenere sotto controllo”. “Adesso, pare che la situazione più drammatica sia a Pescara città, in zona pineta, la zona sud della città. È il punto critico, però sta rientrando perché adesso con un canadair e due elicotteri sta tornando sotto controllo. In uno stabilimento balneare le palme si sono bruciate, la spiaggia è stata evacuata. Sono state evacuati un convento di suore e una struttura con 40 disabili”, ha aggiunto Zaffiri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata