Milano, 1 ago. (LaPresse) – L’incendio a Pescara “ha colpito in un momento in cui le spiagge erano piene. Poi è arrivato il fuoco all’improvviso. È partito vicino al mare ma mai si poteva pensare che potesse arrivare lungo la spiaggia. È una zona di villette Liberty. La scuola media ‘Benedetto Croce’ è andata in fiamme, però ovviamente non c’era nessuno. Un’autodemolizioni, in prossimità del cavalcavia, al Villaggio Alcyone, è tutta bruciata, incluse le autovetture. Ci sono state diverse esplosioni, perché c’erano macchine a Gpl e con la benzina dentro”. Così a LaPresse il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Zaffiri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata