Firenze, 30 lug. (LaPresse) – “Sono una forzatura inaccettabile le cose scritte da Confindustria perché non è un’azienda che può decidere chi viene licenziato o demansionato senza vaccino. Nel Paese, se si pensa di arrivare a una legge perché si decide che c’è necessità di un trattamento sanitario obbligatorio, serve un provvedimento del Governo. A oggi quel provvedimento è stato fatto solo nel sistema sanitario”. Così questa mattina il segretario Cgil Maurizio Landini a Firenze per l’assemblea generale di Cgil Toscana al Palazzo dei Congressi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata