Milano, 27 lug. (LaPresse) – “L’atto notificato al presidente Fontana mette a disposizione delle parti gli atti processuali. Avremo così modo di comprendere come è stato concepito il capo di imputazione nel quale il presidente non si riconosce per come è stata ricostruita la vicenda”. Così a LaPresse l’avvocato Jacopo Pensa, legale del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, nel commentare la notifica della chiusura delle indagini sul caso camici nei confronti del suo assistito.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata