Milano, 26 lug. (LaPresse) – La decisione di sospendere il Parlamento non è un colpo di Stato e anzi avviene nel solco della legge perché il presidente è il comandante supremo delle forze armate e civili. È quanto dichiarato dal presidente tunisino Kais Saied nel suo discorso dopo aver sospeso il parlamento e licenziato il premier Hichem Mechichi. “Secondo la Costituzione, ho preso le decisioni che la situazione richiede per salvare la Tunisia, lo Stato e il popolo tunisino”, ha detto Saied nel suo intervento riportato dai media locali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata