Milano, 13 lug. (LaPresse/AP) – La Uefa ha aperto una inchiesta sulle violenze dei tifosi inglesi in occasione della finale di Euro 2020, compreso il tentativo di almeno un centinaio di persone di entrare allo stadio di Wembley senza biglietto. La Federcalcio inglese è stata accusata separatamente di molteplici infrazioni da parte dei suoi tifosi prima e durante la sconfitta contro l’Italia ai calci di rigore. Le accuse riguardano i fischi dell’inno nazionale italiano, l’invasione di campo di un tifosi, il lancio di oggetti in campo e l’accensione di fuochi d’artificio. La Federazione inglese rischia ora la chiusura totale o parziale dello stadio per le prossime partite della nazionale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata