Roma, 7 lug. (LaPresse) – “Il Sahel ha assunto negli ultimi anni un rilievo prioritario per la sicurezza dell’Europa, in quanto terminale di tensioni che minacciano direttamente la stabilità dell’area euro-mediterranea. È in questa parte del mondo che il fenomeno terroristico si è maggiormente radicato, sfruttando la precarietà sociale, economica e ambientale delle fasce più giovani di una popolazione in forte crescita demografica. È qui che la comunità internazionale è chiamata a concentrare gli sforzi”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio sulle missioni internazionali alle Commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato. “La decisione della Francia di rimodulare l’impegno militare nella regione, in vista di una maggiore responsabilizzazione dei Paesi del Sahel, apre una fase di riorganizzazione dello sforzo congiunto nel contrasto al terrorismo”, ha aggiunto Di Maio sottolineando poi che “l’Italia offre da anni un contributo significativo alla stabilizzazione”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata