Bruxelles, 7 lug. (LaPresse) – “Per l’Italia la crescita del Pil reale dovrebbe raggiungere il 5,0% nel 2021 e il 4,2% nel 2022. La previsione per il 2021 è significativamente più alta rispetto alla primavera. Ciò è dovuto alla consistente revisione al rialzo del Pil nel primo trimestre e alla risposta più forte del previsto dell’attività economica all’allentamento della mobilità e delle restrizioni alle imprese. Gli investimenti pubblici e privati, sostenuti dalla diminuzione dell’incertezza delle imprese circa le prospettive della domanda e dall’attuazione del Piano di ripresa e resilienza, sono destinati a rimanere il principale motore di crescita”. Lo ha dichiarato il commissario Ue all’economia, Paolo Gentiloni, nella presentazione delle previsioni economiche estive.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata