Milano, 6 lug. (LaPresse) – “Date le prospettive economiche favorevoli confermate in tutte le recenti proiezioni macroeconomiche, è improbabile che si avverino le nostre aspettative più pessimistiche sul possibile deterioramento della qualità degli attivi bancari. Detto questo, non conosciamo ancora l’entità dei nuovi Npl e il preciso arco temporale in cui emergeranno”. Lo ha detto il presidente del Consiglio di Vigilanza della Bce, Andrea Enria, intervenendo alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato italiano. “Ma – ha proseguito – è chiaro che con l’adozione di solide prassi di gestione del rischio di credito e accantonamenti tempestivi daremo un contributo all’integrità dei bilanci e delle prassi creditizie, favorendo quindi una crescita più duratura a medio-lungo termine. Questo è l’unico modo per far fronte all’eccesso di debito nel settore privato e assicurare che non ci siano ostacoli alla ripresa economica”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata