Milano, 2 lug. (LaPresse) – “Quello dei paradisi fiscali è un mondo destinato a finire. Questo accordo è storico, ma non arriva all’improvviso: è ormai dai primi anni 2000 che ci sono stati dei colpi forti contro i paradisi fiscali”. Così Marco Allena, docente di Diritto tributario dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, commenta a LaPresse l’intesa sulla minimum tax. “Pensiamo ad esempio alla Svizzera che ha fatto cessare alcuni anni fa il segreto bancario, o ai Paesi che via via hanno ceduto alle pressioni del mondo e si sono adeguati più o meno spontaneamente”, ricorda Allena. “Oggi – prosegue – resistono in qualità di paradisi fiscali veri e propri solo piccole sacche qua e là, che magari continueranno a esserci – penso soprattutto ai Paesi molto lontano da noi -, ma questo accordo farà cessare soprattutto quelle situazioni di evasione fiscale che oggi invece regnano ancora sia all’interno dell’Unione europea, sia degli Stati Uniti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata