Milano, 30 giu. (LaPresse) – Seconda dose ai turisti in Valle d’Aosta ma solo se soggiornano per almeno 30 giorni. Lo comunica l’assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali della Valle d’Aosta precisando che in regione sono ammesse alla vaccinazione di prima e seconda dose, contemporaneamente alla popolazione residente o iscritta al Servizio sanitario regionale, anche le persone domiciliate nel territorio regionale per motivi di lavoro, di assistenza domiciliare o altro giustificato e comprovato motivo, che impongano una presenza continuativa nella Regione pari o superiore a 90 giorni. Oltre ai turisti, sono ammesse invece alla vaccinazione della sola seconda dose anche i lavoratori che soggiornano in regione almeno per 30 giorni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata