Roma, 19 giu. (LaPresse) – “L’Italia ha sostenuto sin dall’inizio la Conferenza sul Futuro dell’Europa, come momento in cui i cittadini europei possono confrontarsi per disegnare insieme il futuro dell’Unione Europea. Saluto quindi con grande aspettativa questa prima Sessione Plenaria e ringrazio la Presidenza portoghese per l’organizzazione”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a quanto si apprende, collegandosi da Barcellona alla prima Sessione Plenaria della Conferenza sul Futuro dell’Europa. “L’Ue ha attraversato molti passaggi delicati, che ne hanno minacciato l’integrità e la solidità. Eppure, l’Unione è sopravvissuta, dimostrando la straordinaria resistenza del nostro progetto comune. Sopravvivere tuttavia non basta”, ha sottolineato il titolare della Farnesina, “è il momento per l’Unione di evolvere, preparandosi alle sfide con cui si confronteranno le nuove generazioni di europei. La Conferenza sul Futuro dell’Europa può e deve essere l’incubatore di un cambiamento vero e profondo, che deve essere autenticamente partecipato dai cittadini e transnazionale”. “Anche per questo”, ha concluso Di Maio, “ritengo fondamentale dare voce ai giovani cittadini e alle loro aspettative, attraverso l’organizzazione di una Conferenza dei Giovani, in cui vogliamo coinvolgere anche i Paesi dei Balcani occidentali e della Sponda Sud del Mediterraneo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata