Milano, 16 giu. (LaPresse) – “Mi colpisce molto quando qualcuno dice che in questa situazione di crisi si fa fatica a trovare i lavoratori perché preferiscono prendere il reddito di cittadinanza piuttosto che lavorare. E’ una bugia pura”. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, intervenuto all’evento ‘120 anni di Fiom: la storia continua’. “Dietro a questa idea – ha continuato Landini – se ne cela un’altra che va combattuta radicalmente, ovvero quella che pur di lavorare uno debba accettare qualsiasi condizione che la controparte mette sul tavolo. Noi dobbiamo affermare esattamente il contrario: il lavoro è un lavoro quando le persone che lo fanno hanno dei diritti e quando attraverso il lavoro che fai puoi vivere dignitosamente. Quando pur lavorando sei povero e sotto ricatto, quella non è una condizione accettabile”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata