Carbis Bay (Regno Unito), 13 giu. (LaPresse) – “Per quanto riguarda la salute ci sono tre pilastri, il primo è fatto di donazione di vaccini e di finanziamenti in particolar modo ad Act-a, l’acceleratore, bisognerebbe che tutti utilizzassero il Covax. Bisogna però anche eliminare il blocco alle esportazioni di vaccini e materie prime e qui la discussione c’è stata. Poi bisogna anche favorire dei siti nei paesi in via di sviluppo e questo ci riporta alla discussione sui diritti dei brevetti, la proposta operativa dell’Ue che utilizza una clausola del commercio internazionale sembra un passo avanti che potrebbe avvicinare tutti. C’è il ruolo dei governi ma anche del settore privato, come le donazioni recenti di Pfizer, altrettanto ha fatto Moderna. Ma c’è anche il ruolo delle organizzazioni multilaterali, è vero che il fondo monetario ha fatto tanto ma ha la capacità di dare soldi in prestito che sono molto più di quanto fatto e ho richiamato questo ruolo”. Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa al termine del G7.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata