Milano, 8 giu. (LaPresse) – La difficoltà di approvvigionamento delle materie prime e il conseguente aumento dei prezzi “inizia a essere un problema molto forte che si aggraverà ulteriormente nei prossimi mesi. Possiamo attenderci ulteriori richieste di cassa integrazione da parte delle imprese del manifatturiero”. Lo ha detto a LaPresse Gianclaudio Torlizzi, direttore generale della società di consulenza finanziaria T-Commodity. “Se mancano materie prime – ha aggiunto – le aziende producono di meno: è il grande Covid della manifattura. Ripercussioni negative legate non a un modello di crisi ‘tradizionale’ – ovvero alla carenza di ordini – ma alla mancanza di materie prime”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata