Milano, 28 mag. (LaPresse) – “Ho salutato da parte sua tutte le maestranze: era una donna che si sentiva appartenente ai lavoratori di questo incredibile mondo che è il teatro, agli operai, alle sarte di questo e di tutti quelli che ha calcato nel mondo con un’intensità unica, portando un messaggio, come tutti i grandi di questo paese, anche i centri minori, nom risparmiando un grammo di se stessa e donando la sua energia infinita che la contraddistingueva”. Così Francesco Menegatti, il figlio di Carla Fracci, nel foyer della Scala dove è allestita la camera ardente della ballerina.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata