Milano, 27 mag. (LaPresse) – “Il commissario straordinario Figliuolo ha accolto molto favorevolmente la lettera che ho inviato la settimana scorsa anche al presidente del Consiglio Draghi, dove ci rendevamo disponibili ad aprire le nostre discoteche per fare open day o centri vaccinali, in modo da allargare quanto più possibile la vaccinazione anche presso i giovani. Non posso che esprimere soddisfazione per questo”. Così a LaPresse Maurizio Pasca, presidente del Silb, Sindacato italiano locali da ballo, dopo che il commissario straordinario, Francesco Paolo Figliuolo, ha trasmesso a Cts e Regioni la proposta proprio della Silb. “Mettiamo a disposizione – spiega – le nostre strutture per farle diventare centri vaccinali. Già due locali lo fanno, uno in provincia di Vercelli e l’altro in provincia di Novara e vaccinano circa 200-300 persone al giorno. Bisogna ricordare che il nostro settore è l’unico che è chiuso ininterrottamente da 15 mesi”. “La cabina di regia del governo ha previsto la riapertura di tutte le attività economiche del Paese, dimenticandosi completamente dei locali da ballo. Se il problema sono gli assembramenti, li vediamo quotidianamente dappertutto”, sottolinea Pasca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata