Roma, 26 mag. (LaPresse) – “Non condividiamo quella che non ci sembra una mediazione utile, perché in questo momento noi pensiamo che dal 1° di luglio non ci debbano essere licenziamenti. Non a caso il blocco per una parte del mondo del lavoro è il 31 ottobre, continuiamo a pensare che per tutti debba essere quello il limite”. Così Maurizio Landini, segretario generale Cgil, parlando con i cronisti a margine della manifestazione #BastaMortiSulLavoro, parlando della posizione del governo sul blocco dei licenziamenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata