Torino, 24 mag. (LaPresse) – “Per quasi 18 mesi, gli operatori sanitari e di cura nel mondo sono stati in bilico tra vita e morte. Hanno salvato innumerevoli vite e combattuto per altri che, nonostante i loro migliori sforzi, sono scivolati via. Molti si sono infettati a loro volta e, sebbene le segnalazioni siano scarse, stimiamo che almeno 115mila operatori sanitari e assistenziali abbiano pagato il prezzo più alto al servizio degli altri”. Lo ha dichiarato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, all’assemblea dell’agenzia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata