Roma, 24 mag. (LaPresse) – “La sospensione del codice appalti inserita nel prossimo Dl semplificazioni, ci preoccupa molto. Siamo per semplificare, maon per la deregulation che avrebbe effetti nefasti sugli appalti dei servizi: il massimo ribasso andrebbe ad incidere sul costo del lavoro e sulla qualità dei servizi, determinando – nell’immediato- un crollo del mercato ed il rischio di infiltrazioni criminali”. Lo dichiara Lorenzo Mattioli, presidente di Confindustria Servizi HCFS, federazione confindustriale che raccoglie imprese del facility, pulizie e sanificazione, lavanderie industriali e dispositivi di protezione individuale e ristorazione collettiva. La federazione rappresenta 57.400 imprese e 657mila addetti per un fatturato, in era pre- covid, di oltre 28 miliardi di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata