Milano, 19 mag. (LaPresse) – “Qualcuno si è agitato per la questione dei turisti. Io continuo a dire che per noi il turista è sacro. Noi diciamo che non immaginiamo un assalto alla diligenza ma, se dovesse servire, noi ci vogliamo essere. E speriamo che a livello nazionale vengano spianate tutte le paturnie mentali sulle secondi dosi”. Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia, in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile di Marghera. “Se arriva un turista con la prima dose fatta, se abbiamo il vaccino, glielo facciamo. Non mi sembra una roba trascendentale. Abbiamo parlato per anni delle vacanze sicure. Noi lo vorremmo fare se non ci creano inghippi”, ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata