Roma, 14 mag. (LaPresse) – “In queste ore trovo interessante leggere e ascoltare tutte le analisi sulle primarie che il Pd ha proposto al centrosinistra. Quando le primarie sono contendibili in modo molto aspro e impegnato, come sta accadendo a Bologna, si grida alla rissa. Quando le primarie sembrano avee una candidatura più for4te delle altre, si dice ‘allora a che serve’. Credo che l’importanza del metodo scelto, dove si è scelto di fare le primarie, sia quello di capire la realtà della situazione e renderla evidente. Senza che ci sia una decisione in una stanza chiusa, del segretario o di due o tre dirigenti di partito”. Così il segretario, Enrico Letta, nella sua relazione alla Direzione nazionale del Pd. “Si sceglie insieme: in questo senso le primarie a Roma, Bologna e Torino saranno una modalità per la quale si parlerà di queste città e del centrosinistra dentro queste città, rispettandosi tutti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata