Milano, 13 mag. (LaPresse) – “Se Elon Musk fosse un banchiere centrale succederebbe la stessa cosa sui mercati regolamentati”. Così Eugenio Sartorelli, trader e vicepresidente SIAT – Società Italiana Analisi Tecnica dei mercati finanziari, spiega a LaPresse come un tweet del fondatore di Tesla Elon Musk abbia fatto crollare in poco tempo il prezzo delle principali criptovalute. “I mercati non regolamentati, come quello delle criptovalute, non sono diversi”, prosegue Sartorelli che aggiunge: “Quando qualcuno che conta e che può muovere molti capitali rilascia una dichiarazione – ci ricordiamo i tweet di Trump (ex presidente degli Stati Uniti, ndr) – questo può provocare dei movimenti. I mercati sono sensibili alle notizie. Visto che Musk è una persona molto influente e potente è andata così. Se avesse detto che le azioni del Nasdaq sono sopravvalutate il listino avrebbe fatto -5%”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata