Milano, 8 mag. (LaPresse) – Sulla base degli ultimi dati forniti dalla Agenzia spaziale italiana (Asi) durante il nuovo incontro del tavolo tecnico presieduto dal capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, si è ulteriormente ridotta la finestra temporale relativa al rientro sulla Terra del lanciatore spaziale cinese ‘Lunga marcia 5B’, e questo consente di escludere la prima delle tre traiettorie inizialmente individuate. Lo riporta una nota della Protezione civile.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata