Milano, 3 mag. (LaPresse) – Dopo l’emergenza Covid, il mercato automobilistico deve affrontare una nuova sfida: la carenza di chip. “Si stima che ancora nel 2021 ci sarà carenza di semiconduttori con oltre 2 milioni di unità di veicoli leggeri mancate nella produzione a livello globale”. E’ quanto spiega a LaPresse Giovanni Passalacqua, partner e Automotive Consulting Leader della società di consulenza EY. L’esperto evidenzia che “in caso di grave carenza di semiconduttori, la produzione europea e statunitense potrebbe avere un calo rispettivamente di circa il 7% e il 10%”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata