Milano, 29 apr. (LaPresse) – “Nel primo trimestre del 2021 si registrano importanti segnali di ripresa dell’attività contrattuale, con otto contratti ratificati nell’arco dei tre mesi. È stata inoltre siglata l’ipotesi di accordo per i dipendenti dell’industria metalmeccanica – la cui riserva è stata appena sciolta – che da sempre ha assunto un ruolo di guida nella stagione dei rinnovi contrattuali”. E’ quanto rileva l’Istat in una nota, spiegando che nel dettaglio alla fine di marzo 2021, i contratti collettivi nazionali in vigore per la parte economica (30 contratti) riguardano il 21,5% dei dipendenti – circa 2,7 milioni – e un monte retributivo pari al 22,3% del totale. Nel corso del primo trimestre 2021 sono stati recepiti otto contratti: ceramiche, trasporti marittimi, telecomunicazioni, editoria giornali, lavanderia industriale, conciarie, grafiche editoriali e servizi portuali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata