Milano, 17 apr. (LaPresse) – “Violare un diritto fondamentale come quello della protezione degli esseri umani in mare per fare propaganda politica è vergognoso e mi fa male come soccorritore. È importante che si vada avanti, è assurdo che nel 21esimo secolo si sia accettato di mettere in discussione la protezione della vita e della dignità delle persone. Che il processo sia l’occasione per giudicare un pezzo di storia europea e per rimettere al centro i principi democratici su cui si fondano le nostre costituzioni”. Così il fondatore di Open Arms, Oscar Camps, a proposito del processo a Matteo Salvini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata