Milano, 16 apr. (LaPresse) – “L’istruttoria ha mostrato uno scarto significativo tra il modello organizzativo adottato da Aria e le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili, rilevando altresì criticità relative ad una molteplicità di discipline contrattuali, all’incremento del personale attribuito agli uffici di staff, al mancato rispetto del principio di onnicomprensività del trattamento economico dirigenziale, all’affidamento di incarichi esterni per servizi legali, e al ricorso eccessivo alle consulenze”. È quanto si legge nel rapporto della Corte dei conti della Lombardia sulla gestione di Aria, società in house della Regione Lombardia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata