Milano, 16 apr. (LaPresse) – A fronte di una media degli acquisti programmati tramite ARIA Spa prossima al 70% del totale, l’istruttoria sui dati di bilancio ha rivelato che gli acquisti effettivi tramite il canale centralizzato non superano il 36%, con una documentata significativa differenziazione di comportamento tra enti; la quota residuale degli acquisti è gestita in maniera frammentaria ed autonoma, con possibili diseconomicità ed inefficienze. È quanto si legge nel rapporto della Corte dei conti della Lombardia sulla gestione di Aria, società in house della Regione Lombardia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata