Milano, 8 apr. (LaPresse) – “Ribadisco che Tim è l’unico tra i principali operatori a essere italiano: il 95% dei soci in assemblea ha appoggiato la lista presentata da cda uscente, dimostrando nei numeri che Tim è una public company italiana con nessun socio determinante. Anzi tutti soci hanno dimostrato supporto. Tim è italiana e la sua missione è far progredire il Paese”. Così il ceo di Tim, Luigi Gubitosi, intervenendo al convegno organizzato dal Dipartimento Tlc di Fratelli d’Italia ‘Le Nuove Reti per la crescita, l’industria italiana, cittadini’. Quanto a chi accusava il gruppo di non avere interesse a mantenere la rete in rame, Gubitosi replica: “E’ assolutamente falso. Anzi stiamo spingendo più di chiunque altro sulla tecnologia Ftth a casa del cliente, non a 40 metri. E’ importante perché non ha senso per un operatore avere due tecnologie, è molto costoso”, ha continuato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata