Milano, 30 mar. (LaPresse) – “Più di un terzo delle famiglie si aspetta un netto peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro in Italia nei successivi 12 mesi” e “le prospettive sono più negative per i lavoratori autonomi e i disoccupati”. E’ quanto rileva la Banca d’Italia nella terza edizione dell’Indagine Straordinaria sulle Famiglie italiane. Oltre un quinto dei capifamiglia con contratto a termine e un decimo degli autonomi ritiene che la probabilità di perdere il lavoro nei successivi dodici mesi sia superiore al 50 per cento; tra i disoccupati, solo poco più del 10 per cento si aspetta che ci sia una probabilità superiore al 75 per cento di trovare un nuovo lavoro nell’arco di un anno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata