Milano, 18 feb. (LaPresse) – La seconda ondata della pandemia ha avuto più effetto anche all’interno del mondo del lavoro. Secondo gli ultimi dati Inail, infatti, alla data dello scorso 31 gennaio sono state segnalate all’istituto 147.875 infezioni di origine professionale, 16.785 in più rispetto al mese precedente (+12,8%). I casi mortali sono 461 (+38 rispetto al 31 dicembre). Lo riferisce una nota. I contagi sul lavoro da nuovo Coronavirus denunciati all’Inail alla data dello scorso 31 gennaio sono 147.875, pari a circa un quarto delle denunce complessive di infortunio sul lavoro pervenute dall’inizio del 2020 e al 5,8% dei contagiati nazionali totali comunicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) alla fine di gennaio. I casi in più rispetto ai 131.090 del mese precedente sono 16.785 (+12,8%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata