Spazio, cosa dice la teoria della relatività
Focus sulla famosa teoria formulata da Albert Einstein nel 1915

La teoria della relatività generale che Albert Einstein arrivò a formulare nel 1915 descrive la gravità come una manifestazione della curvatura dello spaziotempo. Lo spaziotempo è come un tessuto, ma a quattro dimensioni: le tre spaziali note, più il tempo. Secondo la relatività generale esso permea tutto l'universo, viene deformato dai corpi e perturbato da masse in movimento. Queste perturbazioni sono appunto le onde gravitazionali che, dalla loro sorgente si diffondono in modo analogo alle increspature sulla superficie di uno stagno, viaggiando alla velocità della luce.

"Questo risultato rappresenta un regalo speciale per il 100° compleanno della Relatività Generale, - commenta Fernando Ferroni, presidente dell'Infn - il sigillo finale sulla meravigliosa teoria che ci ha lasciato il genio di Albert Einstein".

"Ed è anche - prosegue Ferroni - una scoperta che premia il gruppo di scienziati che ha perseguito questa ricerca per decenni, cui l'Italia ha dato un grande contributo, figlio di quella scuola che negli anni '70 del secolo scorso si formò intorno alle figure di Edoardo Amaldi, Guido Pizzella, Adalberto Giazotto, e che oggi vede i nostri ricercatori protagonisti anche grazie alla tecnologia di Virgo, l'interferometro italo-francese a Cascina", conclude Ferroni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata