Spazio, arriva il porto di attracco per le navicelle private
L'accesso alla Stazione spaziale internazionale non sarà più riservato agli astronauti

Due astronauti della Nasa, il comandante Jeff Williams e l'ingegnera Kate Rubins, hanno installato un nuovo porto di attracco per navicelle private nella Stazione spaciale internazionale (Iss). Lo riferisce l'agenzia spaziale degli Stati Uniti. Nel corso di una passeggiata spaziale durata cinque ore e 58 minuti, gli astronauti hanno posizionato i primi due punti di attracco internazionali (la sigla inglese di riferimento è Ida). "Gli Ida saranno usati per futuri arrivi di navicelle commerciali con equipaggio di Boeing e SpaceX che sono in fase di sviluppo", ha riferito l'agenzia in una nota. L'installazione di questo porto di attracco darà alla Nasa l'indipendenza di accedere alla Iss per la prima volta dal ritiro della sua flotta di shuttle nel 2011. Finora l'agenzia spaziale Usa dipendeva dalle navette russe Soyuz. Il nuovo meccanismo di attracco era stato trasportato sulla Iss a giugno scorso a bordo della capsula Dragon, della ditta privata SpaceX, con sede in California.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata