Spazio, Airbus: Lanciato con successo secondo satellite di SpaceDataHighway
Spazio, Airbus: Lanciato con successo secondo satellite di SpaceDataHighway

. Dopo una prima fase di test, l'apparecchio raddoppierà la capacità di trasmissione del sistema così da inoltrare simultaneamente i dati provenienti da due satelliti di osservazione

Il satellite Edrs-C, secondo nodo di comunicazione del sistema SpaceDataHighway (noto anche come Edrs, European Data Relay System), è stato lanciato con successo in orbita geostazionaria a 31° Est da Kourou, nella Guyana Francese, tramite il lanciatore Ariane 5. Dopo una prima fase di test, l'apparecchio - che va ad unirsi a Edrs-A, già impegnato nella trasimissione di immagini acquisite dai quattro satelliti Sentinel del programma Copernicus - raddoppierà la capacità di trasmissione del sistema così da inoltrare simultaneamente i dati provenienti da due satelliti di osservazione e fornirà un back-up ridondante. A renderlo noto è Airbus, che ricorda come la SpaceDataHighway, sviluppato nell'ambito di una partnership pubblicoprivata con l'Agenzia Spaziale Europea, sia la prima rete in "fibra ottica" nello spazio basata su una tecnologia laser all'avanguardia, i cui terminali sono stati svilupparti da sviluppato nell'ambito di una partnership pubblicoprivata fra l'Agenzia Spaziale Europea. Un network unica di satelliti in orbita geostazionaria, permanentemente fissati al di sopra di una rete di stazioni terrestri in grado di trasmettere dati ad una velocità di 1,8 Gbit/s.

Un terzo nodo di comunicazione sarà posizionato sopra la regione Asia-Pacifico indicativamente nel 2024. Dotato di tre terminali di comunicazione laser, Edrs-D porterà a un significativo incremento della capacità di comunicazione del sistema e amplierà notevolmente la propria copertura. Dal 2021 i satelliti di osservazione terrestre Pleiades Neo inizieranno a utilizzare la SpaceDataHighway. Dalla fine del 2019 il sistema fornirà anche un servizio di comunicazione a banda larga interamente europeo, al modulo Columbus della Stazione Spaziale Internazionale.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata