Lavoro, terziario sempre più protagonista dell'economia milanese
Lavoro, terziario sempre più protagonista dell'economia milanese

Rapporto delle economie regionali dedicato alla Lombardia della Banca d'Italia: in città imprese del commercio e dei servizi 230 mila su 305mila totali

E' stato presentato per la prima volta nella sede di Confcommercio Milano il Rapporto delle economie regionali, dedicato alla Lombardia, della Banca d'Italia. Al convegno, aperto dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, hanno partecipato il direttore della Sede di Milano della Banca d'Italia, Giuseppe Sopranzetti, direttore della Sede di Milano assieme a Paola Rossi e Francesco Bripi (Banca d'Italia - Sede di Milano - Divisione Analisi e ricerca economica territoriale).

Al centro dell'iniziativa la tavola rotonda sul tema "Lombardia 2020: tendenze e prospettive del Terziario nell'economia del territorio" con la testimonianza, in cinque case history,  di imprese rappresentative di vari settori del terziario: Elena Dominique Midolo, ceo di ClioMakeUp (associata Asseprim, servizi professionali per le imprese); Stefano Baroncini, founder e amministratore unico di Atena (associata Assintel, imprese Ict); Antonio Civita, presidente di Panino Giusto (associata Epam, pubblici esercizi milanesi); Andrea Colzani, ceo di SportIT (Associazione territoriale Confcommercio di Seregno e presidente dei Giovani Imprenditori); Leonardo Groppelli, Gruppo Extrohotels (associato Federalberghi Milano, Lodi, Monza e Brianza). Moderatore della tavola rotonda Giangiacomo Schiavi, editorialista del Corriere della Sera.

Questo momento inedito di confronto è nato dalla decisione di Banca d'Italia di dedicare in quest'edizione un focus, nel suo Rapporto annuale, al terziario di mercato. Una scelta significativa che sottolinea l'evoluzione del sistema economico milanese e lombardo.

 "L'economia del nostro territorio sta cambiando volto - spiega Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio - Con il terziario di mercato che, pur tra difficoltà dovute al persistere della crisi, cresce rapidamente. L'innovazione digitale è alla base del cambiamento della nostra economia e coinvolge trasversalmente tutti i settori. Ma è indubbio che in questo contesto il commercio e i servizi hanno grandi potenzialità di crescita. Da qui la necessità di investire sempre più in formazione per rafforzare le competenze tecnologiche che, secondo il rapporto di Banca d'Italia, non sono ancora adeguate".

I numeri della Camera di commercio sono significativi: a Milano, nel 2019, le imprese del commercio e dei servizi sono quasi 230mila su 305mila totali, in 5 anni sono cresciute dell'8,3% con un aumento del numero degli addetti del 27,6%. Lo stesso trend, seppur meno accentuato, si verifica in tutta la Lombardia (+3,8% di imprese, + 21,7% addetti). La terziarizzazione dell'economia è qualificante per il nostro territorio, e ne determina caratteristiche strategiche e fenomeni rilevanti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata