Zanetti scaccia la pensione: Potrei giocare un'altra stagione

Milano, 2 gen. (LaPresse) - L'intenzione è "poter finire questo campionato nel migliore dei modi e, se mi sento come adesso, poter giocare un altro anno". Javier Zanetti si proietta al nuovo anno in un'intervista a Sky Sport nella quale condivide le sue aspettative. "Speriamo che sia un anno positivo per tutto l'ambiente dell'Inter - spiega il 39enne difensore argentino - ci proveremo di sicuro a fare una grande stagione, sperando che alla fine possa arrivare qualcosa di importante". "Cosa deve fare Andrea Stramaccioni per raggiungere il primo trofeo con la prima squadra? È presto per parlarne - sottolinea Zanetti - perché è all'inizio della sua carriera, però per quello che ha fatto fino ad adesso posso dire che è questa la strada".

"Speriamo - prosegue - di contribuire anche noi, fare una grande stagione, e che alla fine possa arrivare qualche traguardo importante, così che possa essere contento non soltanto il mister ma tutta la famiglia dell'Inter". I punti che separano l'Inter dalla Juventus "sono tanti ma nel calcio non si sa mai. Noi - dice il difensore - abbiamo l'obbligo di crederci fino alla fine, sperando che quando manca un mese la squadra possa essere lì a lottare. Noi faremo il massimo in tutte le competizioni - assicura Zanetti - poi tireremo le somme, sperando che possa arrivare qualche traguardo".

"Come si concluderà la vicenda Sneijder? Dipenderà molto da lui, da cosa vorrà fare lui. Il gruppo in questa situazione si è sempre comportato nel migliore dei modi. Lui con totale serenità dovrà decidere cosa vuole per il suo futuro", così Zanetti commenta il 'braccio di ferro' tra il club e l'olandese che potrebbe lasciare la squadra nel mercato invernale. "Le carte - spiega il difensore - sono in tavola, le carte sono in tavola, l'Inter si è schierata, Sneijder sta pensando cosa sarà meglio e speriamo che la situazione che si trova sia bene per lui e bene per l'Inter. Se può finire al Milan? Questo non lo so, sono cose di mercato".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata